Ma ora verranno le stelle…

Ci sono giorni che vorremmo cancellare dal calendario ed altri che invece ci rimandano a dei pensieri, delle emozioni che vorremmo sempre tenere con noi sotto il cuscino, quando camminiamo con gli occhi sognanti ricordando momenti gioiosi.

Tenere piccoli oggetti, quasi amuleti, che ci ricordino i momenti in cui tutto sembrava andar bene ci permettono di affrontare meglio anche i momenti più difficili, ci ricordano infatti che questi ultimi passeranno.

Tra le notti che amo di più c’è certamente la notte di San Lorenzo, la notte delle “stelle cadenti” che altro non sono che meteore che attraversano la nostra vita, come gli eventi. Si infuocano, ci fanno sognare, ci fanno esprimere un desiderio e poi scompaiono di nuovo negli abissi della notte, nei vari “atomi opachi di Male” che qualche volta la vita ci riserva.

La notte di San Lorenzo è la notte alla ricerca di un desiderio da esprimere, nasi puntati verso il nero del mare infinito o di una vallata oltre la vetta in montagna, aspettando che qualcosa succeda. E succede. E restare sopresi ed affascinati, come se, chissà, forse stanotte le stelle cadenti non verranno.   

Ed è così anche per la ceramica. Prima era terra polverosa, poi fango, poi dura e fragile, poi rossa come il fuoco che brilla anche quando io non la vedo, nel forno chiuso che manda luci lontane come quelle delle meteoriti che si infuocano al contatto con l’atmosfera.

Il fuoco che sancisce e che purifica, il fuoco che rende eterno ciò che prima poteva tornare fango alla prima pioggia. Il fuoco che regna sovrano come il Cielo dall’alto dei mondi sereni, infinto, immortale, spesso mi restituisce i miei Angioletti, pronti a volare nelle mani di chi li compra ad un mercatino di Natale o chi lo riceve per potersi ricordare che lì, oltre il gran pianto, c’è sempre un fanciullo interiore a ricordare che anche questa meteora passerà.  

 

X agosto

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.

Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de’ suoi rondinini.

Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.

Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono…

Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.

E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male!

  • Giovanni Pascoli

Published by Epsiloc - Enjoy Little things

Epsiloc welcomes you and invites you to enjoy little things, every day of your life, in everything you do. Those little things that might be so imperceptible that you might miss if you don’t look for them, but they are there and they make all the difference. Epsiloc comes from the Greek letter epsilon, which is used in physics for a quantity which is infinitesimal. In other words, it is so small which is almost zero and normally is neglected. But when it is put at the denominator of a fraction ensures that the fraction still makes sense. So, it is a very small quantity that is almost zero, but the fact of being there makes all the difference. This is true for all the fractions, and everybody calls is epsilon. Epsiloc takes the same concept but instead of the “n” at the end there is a C, and it makes all the difference… Epsiloc represents all my personal little things that make all the difference in my life, and invites, encourage, teaches you how to find your own. The path is not easy at every step you take, but always worth your effort. So, we can say that this is simply my personal website, in which you will find here the ways I can support you with, to find your own personal little moments to enjoy. Step by step. In every moment of your life. - C like Ceramics and pottery – creating from clay - C like Coaching Counting Celebrations of personal life - C like Creative and autobiographical writing - C like Common misunderstandings about maths and science - C like Casina in fondo all’orto, the children and pets friendly house I rent in Tuscany There are many other personal C in my epsilocs, like Children, Chocolate and Carbon etc, but those will remain in my Private Garden, so you will not find them here. ABOUT ME Ceramist, writer, scientist, teacher and chocolate lover. I am practicing ceramics since the age of 16, I followed courses in Italy, UK, South Africa and Belgium. Since December 2017 I have my own little atelier where I keep experimenting new techniques and where I give ceramics courses. Born in southern Italy, I grew up in Rome and I spent my summers in the countryside. I studied physics in Rome and in 1996 I move to Cambridge (UK) where I got both a PhD in nanotechnology and a 1-year certificate in Creative Writing. I them moved to South Africa where I have kept my passion for ceramics and creative writing, and I wrote my second book. I now live in Brussels where I teach maths and science, give ceramics courses and I coach clients to let emerge the best of them selves

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: